Uncategorized

Una soluzione unica per chi lavora in mobilità: WIND SMART OFFICE

BuzzooleSmartOffice_Video_02

Da quasi 3 anni lavoro in un’agenzia di comunicazione e da allora ogni giorno mi confronto con clienti, fornitori, collaboratori e amici.

Quasi sempre questo confronto avviene prima telefonicamente e solo successivamente di persona. Questo significa che io passo un sacco di tempo al telefono.

La nostra agenzia di comunicazione all’inizio aveva solo pochi clienti e soltanto un cellulare aziendale, che lasciavamo sempre in ufficio, con il quale di tanto in tanto contattavamo i clienti.

Dopo un anno di gavetta nel più classico dei garage ci siamo trasferiti in un ufficio vero e proprio, al primo piano, con tre grandi finestre e una scrivania per ogni dipendente.

Con il crescere della nostra esperienza sono cresciuti anche i clienti e, di conseguenza, le chiamate sul mio cellulare.

SmartOffice_Video_11

All’inizio gestivo tutto con il mio cellulare privato, ma piano piano mi sono accorto che il tutto stava diventando insostenibile.

Chiamate a tutte le ore, i clienti mi contattavano per qualsiasi esigenza, a qualsiasi ora del giorno.

SmartOffice_Video_01

Così ho pensato di guardarmi un pò in giro e cercare una soluzione definitiva a questo problema: un contratto telefonico aziendale unico con cui gestire sia il cellulare col fisso.

Un contratto grazie al quale poter telefonare ai clienti dal proprio smartphone, ma facendo comparire il numero aziendale.

SmartOffice_Video_04

“Questa è una vera genialata!” ho pensato.

Ho cercato tra le varie offerte e finalmente ho trovato un piano tariffario aziendale che soddisfacesse tutte le mie esigenze: Wind for Business Smart Office

SmartOffice_Video_13

Il contratto Wind for Business è pieno di sorprese: vi dico solo la prima, quella che mi ha fatto più felice: tre utenze Windows 365 sono incluse nel pacchetto, l’ideale per chi usa il pacchetto Windows 365.

wind_smart_office_novembre_850x430

Un’altro dei vantaggi del pacchetto è la possibilità di poter ricevere le chiamate dirette al numero fisso dell’ufficio dal mio smartphone, ottimo per le giornate in cui sono sempre fuori e non passo nemmeno dall’ufficio.

Un altro servizio fondamentale è quello del Fax: siamo una web agency e preferiamo usare le mail, ma quante volte abbiamo ringraziato Dio per il nostro Fax?

Spesso le comunicazioni ufficiali devono essere spedite via fax, e non possiamo mica andare al tabaccaio ogni volta? 🙂

SmartOffice_Video_12

Le chiamate illimitate verso tutti i cellulari in Italia e una miriade di altri vantaggi rendono Wind for Business Smart Office l’ideale per chi si muove molto e lavora a contatto con molte persone.

Io ve la consiglio 🙂

 

Annunci

“Muri fasci, sinistra muta”

“Muro pulito popolo muto” si diceva una volta, ora sarebbe meglio dire “Muri fasci, sinistra muta”

San Giuseppe Vesuviano, il postaccio dove vivo, si sta ricoprendo di scritte inneggianti al fascismo o a casapound.

Io non ero abituato a questa situazione e fino a qualche anno fa, vuoi per la piccola dimensione o per lo scarso interesse, in paese non c’erano tante manifestazioni di estrema destra.

Poi ho cominciato a vedere qualche adesivo di casapound. Poi qualche manifesto.
Poi qualche manifesto e qualche scritta. Poi sempre di più, scritte, adesivi, slogan sui muri.

E gli antifascisti, se ancora ce ne sono, che fanno?

Interessa ancora a qualcuno la lotta ideologica espressa sui muri o siamo arrivati ad un livello di intellettualismo tale che l’antifascismo da sinistra si sublima sui Social Media mentre i fascistelli si sporcano ancora le mani andando a scrivere sui muri e facendo proseliti nelle scuole?

Se così fosse la prospettiva di vivere in un paese del Sud Italia di estrema destra si fa sempre più vicina, dove c’è un vuoto c’è sempre qualcuno che lo riempie, e in questo caso lo stanno riempiendo di merda.

Siamo consapevoli che i ragazzi che escono da un istituto professionale intrisi di ideali di estrema destra faranno dei danni in un paese che già non brilla per coscienza politica e civica?

Vorrei fare queste domande principalmente a chi ha 20 anni ora, mi piacerebbe sapere come e se intendono esprimere la loro distanza da questi schemi o se considerano accettabile l’attuale stato delle cose o se probabilmente, come penso, sono semplicemente indifferenti.